Autista Atac pestato da tre ragazzi: setto nasale rotto

Il fatto è avvenuto nella notte sul 451: autista intervenuto per difendere un passeggero è stato pestato da tre

Un autista Atac è stato pestato questa notte da tre ragazzi, che gli hanno procurato una frattura scomposta del setto nasale. Sul caso stanno ora indagando i carabinieri della Stazione Appia.

Da una prima ricostruzione è emerso che il conducente, un 54enne romano, era in servizio sulla linea 451, che collega Cinecittà e Ponte Mammolo. Intorno alle 3 di questa notte è intervenuto invitando tre ragazzi che stavano infastidendo un passeggero a tranquillizzarsi. Immediata e violenta la reazione: i tre lo hanno pestato, spaccandogli il naso con un pugno, prima di dileguarsi rapidamente.

Sul posto è intervenuta l’ambulanza del 118, che ha portato il conducente in ospedale, dove il medico lo ha visitato e dimesso con una prognosi di 30 giorni per la frattura del setto nasale.

In ospedale sono poi giunti i carabinieri che stanno indagando per rintracciare gli autori del gesto.

Violenze contro autisti Atac: 2 episodi in pochi giorni

La vicenda dell’autista Atac pestato sul 451 segue di pochi giorni una vicenda analoga, quando un conducente in servizio sulla linea 31 era stato pestato con un manganello su Viale Isacco Newton, sempre da un gruppo di ragazzi che aveva invitato a calmarsi e che invece  lo aveva colpito in testa, al braccio e al labbro, costringendolo al ricovero presso l’ospedale Santo Spirito. Anche in quel caso gli aggressori erano riusciti a fuggire.

Dopo i disagi causati dallo sciopero di ieri, ancora Atac in prima pagina, stavolta però per un deprecabile gesto di violenza. Si fa quindi sempre più difficile la situazione in periferia per gli autisti, che da anni minacciano episodi di violenza e intimidazioni di questo tipo, senza però aver ottenuto nessun tipo di tutela.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni