Sconfitta per la Roma contro il CSKA Sofia. 3-1 senza conseguenza

La Roma, già qualificata, con una squadra farcita di riserve e giovani, perde a Sofia. Poca concentrazione da parte dei big della squadra e la sconfitta è inevitabile.

Una buona notizia per Fonseca arriva da Smalling, un ritorno in campo indispensabile per l’allenatore, in un reparto martoriato.

Una squadra rivoluzionata in nome del turn over: è stata l’occasione di lanciare alcuni giovani come Milanese, autore di un gol, l’ivoriano Bamba e il portiere Boer.

Tornato in campo anche Kumbulla, reduce dal Covid. È stata una Roma con la testa altrove, e i bulgari ne hanno approfittato per salvare la faccia. Il Cska segna il primo gol della sua stagione europea dopo appena cinque minuti di gioco, con una ‘botta’ da fuori di Tiago Rodrigues dopo una respinta della difesa giallorossa. Boer, coperto, non poteva fare nulla. Al 22′ il pareggio romanista: Milanese, uno dei migliori dei suoi, è bravo a farsi trovare al posto giusto in area di rigore dopo un’azione con cross di Bruno Peres per Borja Mayoral e assist dello spagnolo per il compagno della Primavera, che segna di controbalzo. Poi però la Roma non si prende più sul serio, si distrae e sale in cattedra il protagonista del match, ovvero l’ex del Chievo Soew, che sfrutta un errore di Diawara e batte Boer. Ancora Soew si ripete nel secondo tempo, sfruttando un’altra incertezza della difesa romanista. E’ 3-1, il risultato non cambia e per la Roma è già tempo di pensare al Bologna del ‘nemico’ Mihajlovic, sperando di evitare Benfica e Real Sociedad nel sorteggio europeo di lunedì prossimo. 

Le possibili avversarie della squadra di Fonseca nel sorteggio dei sedicesimi di finale di lunedì alle 13 a Nyon sono 15, dal momento che Milan e Napoli hanno vinto il proprio gruppo e faranno parte della stessa urna. Nelle quattro peggiori terze retrocesse dalla Champions League ci sono Krasnodar, Dinamo Kiev, Salisburgo e Olympiacos. A queste non teste di serie si aggiungono le seconde classificate dei gironi di Europa League:  Molde, Slavia Praga, Granada, Real Sociedad, Sporting Braga, Lille, Maccabi Tel-Aviv, Anversa, Wolfsberger, Stella Rossa e soprattutto il Benfica del nuovo ds Pinto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *